Registrandoti al sito accetti le nostre Condizioni e confermi di aver letto la nostra pagina sulla Privacy.
  • Sign in with Twitter

Intervista a Valentina Falcinelli di YummyWriting

Riccardo Esposito 05 dicembre 2013 copy writing | web writing | Yummy Writing Scienza&Tecnologia |
Convegno C-Come



Ci sono tanti modi per crescere e per diventare un professionista nel campo del copywriting. Sembra difficile, vero? Sembra tutto così vago, ma non è così: le strade ci sono.

Puoi acquistare i libri dei professionisti, puoi seguire webinar e corsi online. Puoi anche curare il tuo feed reader fino a farlo diventare una piccola bomboniera di sapere. Sono soluzioni che funzionano.

Ma nulla può superare la qualità della formazione faccia a faccia. Quando sei offline puoi assaporare una comunicazione del sapere diversa, densa. E c’è un rapporto approfondito con le materie, con i docenti, con i colleghi.

C’è scambio di sapere, di opinioni, di esperienze. Questo lo sa bene Valentina Falcinelli di Pennamontata che attraversa l’Italia in lungo e in largo con il suo Yummywriting, una full immersion nel mondo del copywriting (e non solo).

Abbiamo già presentato Yummy Writing su Newsyblog. Oggi intervistiamo la protagonista, Valentina, per portarti anche la sua esperienza :-)

---

Ciao Valentina! Iniziamo con una domanda semplice per rompere il ghiaccio: c’è un profilo tipico di chi si iscrive a Yummy Writing?

Ciao e grazie per aver scelto di dedicare dello spazio, qui su Newsyblog, a Yummy Writing. In realtà, be’ no, non c’è un profilo standard. Uno yummer può essere l’aspirante copywriter, così come il copywriter che vuole restare aggiornato; abbiamo ospitato wedding planner, falegnami, addetti al settore stampa. Quello che conta, molto più dell’esperienza, è la voglia di apprendere, mettersi in gioco, condividere.

Come è organizzato il corso? C’è una parte teorica e poi una pratica?

Il corso mescola teoria e pratica a momenti di confronto diretto. Non c’è un ordine del tipo mattina teoria, pomeriggio pratica. Piuttosto, cerchiamo di “attaccare” la pratica subito dopo la parte teorica relativa. Crediamo che, così facendo, quanto appreso possa essere memorizzato e compreso meglio.

L’argomento che non manca mai nel corso?

Il copywriting, ovviamente. La presenza del mio collega Valerio Notarfrancesco assicura sempre anche un importante - e fondamentale - apporto di nozioni inerenti la SEO.

Che rapporto si crea tra alunni e formatori? C’è sinergia?

Sinergia assoluta. Ti basti pensare che con molti degli yummer sono ancora in contatto costante. Alcuni sono tornati, più d’una volta addirittura, ai nostri workshop. La cosa che più mi rende felice, fiera e orgogliosa (non di me, ma dei ragazzi) è il ricevere da loro delle e-mail in cui mi tengono aggiornata sulle novità lavorative. C’è chi viene preso per uno stage, chi nel team di una nuova web agency… È meraviglioso sentirsi partecipi della crescita professionale dei ragazzi.

Quali sono le  aspettative dell’utente che si forma in questo settore lavorativo?

Chi viene a Yummy Writing si aspetta - com’è giusto sia - di uscirne arricchito. Di motivazione, strumenti, trucchi, metodologie, idee, conoscenze. Ogni corso si conclude con la compilazione di un modulo di feedback, proprio perché sia io sia Valerio cerchiamo di dare qualcosa in più, workshop dopo workshop.

Un corso non è una panacea. Un corso non ti dà la certezza di essere preso in considerazione dall’azienda X. Però è la base per crescere, migliorare, confrontarsi con altre menti brillanti e trovare nuovi stimoli per diventare, giorno dopo giorno, un vero professionista.

Le aziende hanno capito l’importanza di un webwriter professionista?

Stanno facendo dei passi in avanti verso la comprensione, sì. Quello che sta molto a cuore, però, resta sempre il risparmio. C’è anche da dire che la qualità, la professionalità, la competenza vengono apprezzate sempre di più.

In base alla tua esperienza, quali saranno le figure più richieste da qui ai prossimi anni?

Copywriter, Brand Strategist, Social Media Strategist, Storyteller, Crisis Manager, Brand Advisor.

Conosci servizi (come Amplr) che premiano la qualità dei contenuti? Cosa ne pensi? Tra gli addetti ai lavori si sente il bisogno di "certificare" la qualità delle fonti?

Devo essere sincera, non conoscevo Amplr né servizi simili. Riconoscere la bontà di un contenuto è fondamentale, ma credo che questo passaggio debba passare, per forza di cose, dal pubblico. È il pubblico il nostro giudice supremo.

Ho appena finito Yummy Writing: come devo muovermi per promuovere la mia attività freelance?

Apri un blog personale. Cerca un tuo tono di voce, uno stile, un taglio e un’immagine che siano tuoi e tuoi soltanto. Cura il tuo profilo LinkedIn e creane uno anche su Twitter. Definisci un budget da investire per la tua comunicazione online e datti degli obiettivi.

Qual è il valore aggiunto di Yummy Writing?

L’atmosfera che si respira in aula. Quel mix di professionalità e leggerezza, serietà e divertimento. E poi la pratica, i feedback individuali, il confronto allievo/allievo e allievo/docente.

Puoi darci qualche indiscrezione sulla prossima edizione? Hai già scelto città e date?

Io e Valerio abbiamo scelto di tornare a Roma. Essendo al centro Italia, è un punto di incontro tra chi viene dal nord e chi dal sud. Per quanto riguarda la data, stavamo pensando a febbraio (anche perché per gennaio stiamo organizzando un altro evento, importantissimo).

Ultima domanda: l’emozione più bella che ti lascia Yummy Writing a ogni edizione?

Gli abbracci finali dei ragazzi. I loro ringraziamenti. È qualcosa che mi riempie il cuore di gioia e gli occhi di lacrime (sono una copywriter muflona, lo so).

Vuoi conoscere meglio i temi affrontati da Pennamonta? C’è un regalo per te!

La qualità del lavoro svolto da Valentina e dal team di Pennamontata è noto a tutti i professionisti del settore web marketing, nello specifico a chi si occupa di webwriting, copy e blogging.

Per questo abbiamo deciso di regalare l’iscrizione al C Come, convegno nazionale dedicato al copywriting, al content marketing e alla creatività al vincitore del talent #BlogInRete. Non manca il lato pratico: oltre al convegno Pennamontata, c’è anche un iPad Air che ti aspetta.

Vuoi avere anche tu l’occasione di vincere questi premi? Leggi il regolamento del talent #BlogInRete e registrati su Newsyblog.com

| Quiz
?
Question 1

Parteciperai a #BlogInRete per vincere il convegno nazionale "C-Come" e l'iPad Air?

Rispondi per conquistare punti "Interessante!"
Per rispondere alla domanda devi effettuare la login
Convegno C-Come
Pennamontata
Lascia un commento
Ritratto di Riccardo Esposito
Webwriter Freelance e Blogger. Mi trovi sempre (o quasi) online.