Newsyblog

Blog e SEO: 4 strategie per migliorare il posizionamento

08|mag|2016
 
Interessante !
0 ! 1 ?

Tra le tecniche che consentono di promuovere un blog sul web, come ho scritto poco tempo fa in questo post, c’è anche l’applicazione delle strategie SEO. La Search Engine Optimizaption, ovvero l’ottimizzazione dei contenuti per i motori di ricerca, permette di posizionare i post (e i contenuti in generale) del nostro blog/sito più in alto possibile tra i risultati di ricerca per determinate keywords, vale a dire le parole chiave per le quali vogliamo che gli utenti ci trovino in Rete. Per una buona strategia di marketing digitale è bene conoscere come intervenire in ottica SEO. A tal proposito vediamo insieme quattro diverse tecniche individuate da Search Engine Journal.


1) Local SEO

Si tratta di una leva di ottimizzazione SEO particolarmente importante per i siti e i blog di aziende e attività commerciali che producono e vendono beni fisici, per i quali è fondamentale la vicinanza fisica con il cliente. Grazie a una strategia SEO localizzata si permette agli utenti che sono nelle nostre vicinanze di farci trovare più facilmente. Questo tipo di ottimizzazione permette di farsi trovare tra i primi risultati quando si fanno ricerche specifiche relative al nostro settore di riferimento in una determinata area geografica. Con una buona strategia SEO local si possono intercettare meglio i potenziali clienti che si trovano nei dintorni.

2) Barnacle SEO

Quello che gli esperti definisco barnacle SEO, altro non è che l’utilizzo di un sito o una piattaforma web molto più grande, dunque con un posizionamento elevato, in modo tale da migliorare o rendere più rapido il processo di posizionamento del proprio sito/blog. In termini pratici si fa barnacle SEO quando si crea una Pagina Facebook, un canale Youtube, un account Twitter, un profilo su Trip Advisor e così via. Per un miglioramento in termini di ricerca organica è bene scegliere i siti più utili per le keywords sulle quali ci interessa farci trovare, oltre che ovviamente quelli che godono di un miglior posizionamento nella search.

3) National SEO

Se la local SEO si adatta alle specifiche esigenze delle attività commerciali che hanno il vincolo del luogo fisico, la national SEO invece esula da ciò, fornendo la sua utilità a quelle aziende che operano in maniera indistinta sul territorio, senza alcun vincolo di vicinanza o prossimità fisica, come fa ad esempio Amazon. Per applicare una strategia SEO di tipo “national” bisogna evitare i riferimenti a un’area geografica definita (regione, provincia, città) in modo tale da estendere e non circoscrivere i risultati di ricerca relativi al nostro blog/sito e di conseguenza il raggio d’azione del nostro business.

4) Technical SEO

Oltre alla SEO più visibile e in “superficie” ci sono poi le tecniche di ottimizzazione che lavorano nel dietro le quinte del sito/blog e che dunque non si vedono, essendo più nascoste. Per questo tipo di strategia, definita technical SEO, servono conoscenze un po’ più tecniche della struttura del sito/blog che consentono di intervenire su determinati aspetti come il tempo di caricamento delle pagine web, l’ottimizzazione dei singoli elementi delle pagine (URL, title, H1, description e immagini) e il monitoraggio degli errori 301, 302 e 404.

Questo post non ha lo scopo di dire tutto della seo, ma di offrire solo una panoramica sul tipo di seo che potrebbe essere utile a ognuno. L’argomento è in continua evoluzione e per restare sempre aggiornato ti consiglio di seguire queste fonti:

Davide Pozzi, Tagliaerbe;

Giorgio Taverniti, Forum Gt;

Francesco Margherita, SEO Garden;

Andrea Pernici;

Benedetto Motisi, SEO Jedi.



Interessante !
0

 

Rispondi al Sondaggio

Quale strategia SEO, tra le 4 citate, ritieni più utile?


  1. Local SEO
  2. Barnacle SEO
  3. National SEO
  4. Technical SEO

E tu che ne pensi?

Lascia un commento e partecipa alla conversazione su: